lunedì 10 giugno 2013

Le 5 differenze tra un blog personale e un blog craftoso

Ho avuto per anni un blog personale.
Sapete? Di quelli privati bunker con pochissimi lettori in cui ci si sente come in famiglia e si può scrivere qualunque bestialità senza pensarci due volte.

Ed eccomi qui oggi ad aprire un blog craftoso tutto mio dopo aver lurkato a lungo i vostri.

Cosa devo cercare di tenere a mente?


5 differenze tra blog personale e blog craftoso


1) niente minestroni
Niente post che iniziano con l'ultimo film visto, proseguono con la maglietta tanto carina appena comprata e finiscono con la ricetta dei biscotti al burro passando per il racconto della fila alla posta e lo sfogo contro il vicino che ti sposta sempre lo zerbino.
In un blog craftoso è bene che ogni post parli di un solo argomento, anche perché se no è un po' un dramma ricordarti di preciso dove hai scritto cosa.

2) niente post chilometrici
In un blog personale si suppone che chi legge ti voglia bene o come minimo abbia voglia di farsi i fatti tuoi, quindi prima o poi alla fine del post ci arriva (maledicendoti, ma ci arriva).
È un blog personale questo? No.

3) niente titoli criptici o a caso
Diciamoci la verità, in un blog personale i titoli sono un simpatico optional.
Io stessa in 8 anni li avrò usati sì e no 20 volte, e MAI in maniera appropriata.
In un blog personale si usa come titolo il verso di una canzone, una singola parola che nessuno capisce se non l'autore del post o anche solo una faccina (o niente proprio).
In un blog craftoso è diverso, i titoli dei post sono fondamentali.
Chi legge deve poter capire di cosa parlerai e grazie a un titolo pertinente potrà ritrovare l'argomento che cerca anche dopo parecchio tempo.

4) niente dettagli troppo personali
Insomma, un conto è parlare un po' di sè e un altro è il resoconto circostanziato della gastroscopia della nonna. Le chiacchiere ci stanno tutte, i segreti inconfessabili e i racconti dettagliati di fatti privati un po' meno.

5) niente musica di sottofondo
Questo in realtà è un consiglio valido per tutti i blog.
Ammetto di aver avuto, molto molto tempo fa, una breve fase oscura durante la quale aprivi il mio blog e partiva l'autostart. Ero giovane e stupidina, l'avevo messa... beh, perché potevo, perché mi sembrava una cosa carina o perché speravo che qualcuno cogliesse i messaggi subliminali che cercavo di lanciare (tentativi sempre miseramente falliti).
Provate a cercare su Google "musica di sottofondo blog" e vedrete quanti risultati. E tu, persona che prima o poi capiterai qui cercando proprio quelle parole -> non farlo. Non metterla. È fastidiosa.


Dai su, il post è lungo ma le altre regole le ho rispettate! :P

2 commenti:

  1. Ti ho scoperta attraverso l'iniziativa de "la Girandola Creativa", il tuo blog sembra qualcosa di diverso, mi piace molto la grafica e mi piacciono molto le tue idee :) Ti seguirò con grandissimo piacere! A prestissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei un amore!!
      Grazie, davvero, per tutte le cose carine che mi hai scritto... mi ci voleva un incoraggiamento così! :*

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...